#DEEP2p | #suFACEBOOK : REALE/DIGITALE

2014_FBvirtuale

Siamo tanto lontani da «un mondo in cui Facebook coincide con internet
e internet coincide con la realtà (virtuale)»?

Le evoluzioni di FACEBOOK (del suo piano industriale) sono dimostrazione dei bisogni ipertrofici del capitalismo digitale: da un lato azioni imperialisticamente volte a conquistare tutto, dall’altro la consapevolezza che non basta occupare tutto lo scacchiere, è necessario inventare di continuo “nuovi territori” da invadere. Internet è esattamente quel territorio indefinito che sembra adattarsi a questa continua corsa agli armamenti: perché sembra illimitato, perché i suoi confini cambiano, come cambiano e si trasformano le modalità con cui ne siamo diventati “cittadini” (o prigionieri). Facebook interpreta meglio di ogni altro soggetto nato in questa epoca di contraddizioni la necessità di superare la distinzione REALE/VIRTUALE, ma la sua è principalmente un’ambizione totalitaria imprenditoriale, le cui conseguenze però riguardano la nostra vita di ogni giorno, già in parte DIGITALE, e la cosa dovrebbe farci riflettere (ad esempio sull’impossibilità di ritenerci estranei a questa guerra totale).

Vi segnaliamo uno spunto da un recente articolo di Flavio Pintarelli (@El_Pinta).

«Tutti noi siamo abituati a pensare a Facebook come a un social network. Per la maggior parte di noi è quello più importante e a cui non si può rinunciare. Qui abbiamo molte delle nostre amicizie vicine e lontane e da qui passano molte delle nostre interazioni sociali. Spesso però sottovalutiamo il fatto che Facebook non è soltanto la rassicurante interfaccia blu a cui accediamo quotidianamente dallo schermo del nostro computer o del nostro telefonino».

Flavio Pintarelli / Inserisci nome utente e password per loggarti alla realtà di Facebook («Corriere della Sera / blog» | 27/03/2014)

 

» continua a leggere QUI | http://blog.corriereinnovazione.corriere.it/2014/03/27/facebook-compra-oculus-vr/