#DEEP2p | I BOOKBLOGGER e il FUTURO DEI LIBRI

2014_deep_post-01

profondamente smaterializzati?

A suggerire una riflessione sull’intreccio sempre più “concretamente” digitale tra rete e libri, tra indipendenti e embeded, è una nota di Flavio Pintarelli (@El_Pinta) sulla figura del bookblogger, che ormai fa gola all’industria editoriale, ma viene visto come una risorsa gratuita.

Da promoter a libraio digitale: un possibile futuro per i bookblogger
Flavio Pintarelli | «BlogCI» (24 marzo 2014)

«Qualche settimana fa, su Che Futuro, Alessandro Rimassa, direttore della scuola di Comunicazione e Management dell’Istituto Europeo di Design, scriveva un post intitolato Da blogger a promoter: così la marchetta in rete è diventata sistema.
[...]
Si è prodotto così un circolo vizioso per cui oggi molti blogger concentrano la propria attività non sulla creazione di informazione di qualità ma si comportano come megafoni per le aziende in cambio di forniture di prodotti e/o, come fa notare Rimassa, in cambio di visibilità. Sostanzialmente oggi molti blogger fanno gratuitamente da volano alla comunicazione aziendale».

» continua a leggere QUI | http://blog.corriereinnovazione.corriere.it/2014/03/24/promoter-libraio-digitale-futuro-bookblogger/