autori

Ernst Stadler

Ernst Sadler

Ernst Stadler
nasce l’11 agosto 1883 a Colmar, in Alsazia. La città, con tutto il territorio circostante, era passata alla Germania all’indomani della guerra franco-tedesca del 1870-1871 e della proclamazione del Reich. I genitori sono di origine bavarese, il padre è impiegato come procuratore nell’amministrazione del nuovo Stato.
Stadler trascorre gli anni della scuola a Strasburgo. Dal 1901 partecipa alle attività di un gruppo di giovani artisti (tra i quali René Schickele e Hans Arp), accomunati dal progetto di un rinnovamento radicale delle lettere alsaziane. Stadler pubblica poesie e recensioni sulle riviste del cenacolo, «Der Stürmer» e «Der Merker».
Nel 1902 inizia gli studi universitari in germanistica e romanistica, che svolgerà a Strasburgo e Monaco, addottorandosi nel 1906 con una dissertazione sulla tradizione manoscritta del Parzival di Wolfram von Eschenbach. Negli ultimi giorni del 1904 dà alle stampe la sua prima raccolta di poesie, Praeludien.
A questa pubblicazione segue un periodo di astensione dalla scrittura poetica e di concentrazione pressoché esclusiva sull’attività filologica e critica. Dal 1906 è per due anni borsista della “Fondazione Cecil Rhodes” presso il Magdalen College di Oxford. Qui si dedica alla tesi di abilitazione sulle traduzioni shakespeariane di Wieland, che conclude nell’autunno del 1908 accedendo alla libera docenza presso l’Università di Strasburgo. Nel 1909, sulla «Straßburger Neue Zeitung», appaiono le prime importanti prove critiche di Stadler su autori contemporanei. In questi articoli, che usciranno regolarmente fino alla guerra, Stadler mette in chiaro i principi fondamentali della propria poetica e pone le premesse teoriche per il superamento del dilettantismo che aveva impregnato la sua produzione giovanile.
Dal 1910 Stadler insegna letteratura tedesca all’Università Libera di Bruxelles. Nel 1911 inizia a pubblicare sull’«Aktion», una delle principali riviste espressionistiche, le liriche che nel 1914 confluiranno nell’Aufbruch. Parallelamente assume la cura di traduzioni dal francese; nel 1913 l’editore Kurt Wolff gli affida il compito di presentare al pubblico tedesco le poesie di Francis Jammes, che vengono pubblicate nel mese di novembre con il titolo Die Gebete der Demut.
Nella primavera del 1914 Stadler riceve un incarico di professore associato dall’Università di Toronto. Trascorre i mesi successivi nei preparativi della partenza, che dovrebbe avvenire all’inizio di settembre. Allo scoppio della guerra, però, Stadler è costretto in quanto sottotenente della riserva a unirsi alle truppe impegnate sul fronte occidentale. Muore il 30 ottobre 1914 durante uno scontro con l’esercito inglese nei pressi di Ieper, nelle Fiandre.


Visualizzazione del risultato singolo

Ernst Stadler

I LIBRI :duepunti NON SONO PIÙ DISPONIBILI SUL NOSTRO eSHOP

I LIBRI :duepunti edizioni NON SONO PIÙ DISPONIBILI PER LA VENDITA SUL NOSTRO eSHOP