23 aprile: una ROSA x un LIBRO | la festa di san Jordi

2014_analogo_libro-rosa

UNA ROSA X UN LIBRO
FESTEGGIA COSÌ IL 23 APRILE

festa di San Jordi, del libro e delle rose mercoledì 23 aprile 2014 | dove vuoi, con chi vuoi
Più o meno è la solita storia: ogni anno si prova a trovare un buon motivo per festeggiare la giornata UNESCO dedicata al Libro e al diritto d’autore. Ma anche quest’anno ci passa la voglia e scartabellando tra le comunicazioni che investono come spam le nostre caselle email troviamo che in Italia le azioni istituzionali di promozione della lettura sono ancora più banalotte e pretenziose dell’anno precedente.

Più o meno è così: vuoti giochi di parole, slogan e ammonimenti, ma in sostanza le cose non cambiano. L’Italia non ha ancora una visione unitaria per il destino del libro e della lettura, né sul piano normativo né su quello culturale. Se ne infischia di riconoscere uno status preciso alle libreria indipendenti (di qualità), non sostiene le biblioteche, non considera l’accesso alla lettura come diritto/dovere primario del cittadino.

Più o meno le cose stanno così. Tirando le somme, potremmo dire che non c’è proprio niente da festeggiare, ma per i molti “meno” (-), che non motivano, troviamo sempre almeno un più (+) che ci riconcilia con il libro, bene comune e vero patrimonio senza frontiere.
(-) Alla giornata dedicata al Libro e al diritto d’autore, alla promozione istituzionale della lettura, al copyright, alla pirateria, al marketing ecc. non aderiamo perché sarebbe come dichiarare che per gli altri 364 giorni pensiamo ad altro.
(-) A non farci particolare simpatia è anche la motivazione della scelta del giorno: il 23 aprile (1616) sembra essere il giorno della morte di Shakespeare e Cervantes (e di tantissime altre persone, va detto). Ma quando festeggeremo le nascite?

(+) Però il 23 aprile è anche la data in cui si festeggia da sempre San Jordi, patrono della Catalogna e sterminatore di draghi: per tradizione si dona una rosa alla propria metà che, più recentemente, ha preso la buona abitudine a ricambiare il bel gesto con un libro. Così una cosa bella si coniuga con una utile.

UN ATTO D’AMORE È SUFFICIENTE
COME SCUSA
PER REGALARE UN LIBRO